Guida ed escursioni alle Cinque Terre

Esteso lungo 15 chilometri di sublime paesaggio costiero ligure, il territorio delle Cinque Terre è percepito come uno dei luoghi di maggior ricchezza ed unicità del Mediterraneo; dichiarato Partimonio dell’Umanità dall’Unesco.
Durante il fluire dei secoli, l’attività dell’uomo ha contribuito a forgiare la magnificenza del paesaggio: viti, olivi, agrumi e muri a secco sono arroccati lungo i rilievi che cadono a strapiombo sul Mar Ligure.

Le 5 Terre si compongono di cinque borghi da visitare in comode escursioni: Riomaggiore, che porta al porticciolo di Manarola attraverso il sentiero dell’Amore, poi arriviamo alle casette di Corniglia, che sovrasta il mare, giungendo alla verdeggiante Monterosso ed infine a Vernazza, maggiore centro storico fra i 5, con architetture che mostrano un passato importante e prospero.

Il turista può scegliere tra un parco attività vario e completo, che spazia dalle escursioni alle arrampicate, passando per sport acquatici come il windsurf e le immersioni all’interno della Riserva Marina ricca di gorgonie e specie rare.
Per l’appunto, il territorio è interamente racchiuso all’interno del Parco Nazionale delle Cinque Terre, splendida sintesi di monti a strapiombo sul mare, scogliere e rocce scolpite dalle onde, tipiche architetture nei brghi antichi circondati dalla macchia mediterranea… e panorami mozzafiato!
Il parco inizia da Punta Mesco e termina a Capo Montenero, ad est.

Arrivare e muoversi in treno

Deiva Marina offre numerosi orari per arrivare in treno alle 5 Terre: durante la bella stagione in media passa un treno ogni 30 minuti per Riomaggiore, Manarola e Corniglia; mentre Monterosso e Vernazza il treno passa ogni 16 e 23 minuti.
Il tempo di percorrenza è brevissimo e l’itinerario decisamente apprezzabile: durante i 2-4 minuti di tragitto, ti consigliamo di cogliere l’occasione e buttare l’occhio fuori dal finestrino!

Le Cinque Terre Card, carte turistiche acquistabili nei centri accoglienza e nelle stazioni, sono una buona occasione anche per fruire del treno a prezzi agevolati. Inoltre potrai accedere ai percorsi ed alle aree attrezzate, ai centri di osservazione ed agli ascensori, ai musei.

Spostarsi col battello

Sbarcare e spostarsi col battello è una valida alternativa durante vacanze prolungate. Principalmente le partenze avvengono da Spezia, Portovenere, Lerici e Levanto, ma durante la bella stagione anche Deiva Marina offre possibilità d’imbarco.
I costi variano dai 10 ai 25 euro.

Le gite può essere giornaliera o pomeridiana, con possibilità di sbarcare, a scelta, in uno dei paesi delle 5 Terre. Le gite pomeridiane sono più rapide e consentono di sbarcare per circa un’ora, dopodichè si rientra verso sera.

Le imbarcazioni sono rese da tre gruppi; nei loro siti trovi tutte le informazioni su luoghi di partenza, itinerari, costi e orari: Cooperativa Battelieri Genova, Trasporti Golfo Paradiso, Consorzio Golfo dei Poeti.

Itinerari

I maggiori itinerari che si snodano nel territorio:

Via dell’Amore

Un percorso romantico tra bellezze naturalistiche, scorci panoramici e storia: tutto ciò nella Via dell’Amore, che va da Riomaggiore a Manarola. Puoi addentrarti nella via partendo dalla stazione di Riomaggiore.
L’itinerario risale ai primi del Novecento, quando nacque l’esigenza di ammodernare la linea ferroviaria. Per consentire spostamenti agevoli agli operai, si costruì questo sentiero sul mare.

Inizialmente era pericoloso ed impervio, ma col tempo è stato reso pienamente sicuro ed agevole in ottica turistica. Oggi è una delle attrazioni che suscitano maggior interesse… non è altro che un superbo e tranquillo itinerario con panchine panoramiche sul mare.

Via dei Santuari

L’opportunità per una gita panoramica alla scoperta dei 5 santuari racchiusi nel territorio delle Cinque Terre: ecco la Via dei Santuari! Il tratto si percorre a piedi ed è indicato dal segnavia bianco e rosso.

Il tragitto parte dal Colle del Telegrafo (lato La Spezia) o dalla foce del fiume Termine. Consente di visitare i seguenti luoghi:

  • Santuario di Nostra Signora di Montenero, dove si passa attraverso vigneti
  • Santuario di Nostra Signora della Salute, percorrendo una mulattiera
  • Santuario di Nostra Signora delle Grazie, raggiungibile salendo lungo una mulattiera
  • Santuario di Nostra Signora di Reggio, percorso agevole e lastricato
  • Santuario di Nostra Signora di Soviore, che si raggiunge attraversando tutto il verde caratteristico di questi luoghi

Escursioni da Manarola

  • Sella di Monte Marverde: una camminata di circa 3.8 chilometri che porta a scalare la montagna giungendo alla sella sita nel versante sud-est
  • Sella di Monte Galera: della stessa lunghezza del precedente, questo percorso ha una difficoltà leggermente inferiore, nonostante duri 2 ore e mezza di cammino in mezzo al verde di vigneti e boschi
  • Corniglia: partendo dalla stazione ferroviaria di Manarola, si giunge in un’ora al borgo di Corniglia, raggiunto percorrendo prima un tratto piano, poi la scalinata Lardarina

Da Corniglia è possibile raggiungere Vernazza, attraversando gli uliveti, la Conca di Guvano e proseguendo poi in discesa. Nell’itinerario vengono toccati diversi punti panoramici ed una piccola torre d’epoca medievale.
Da Vernazza puoi proseguire per Monterosso, che raggiungi in 2 ore di cammino, terminando in Piazza Garibaldi o direttamente in spiaggia, scendendo una scogliera.


Seconda parte

Da Monterosso si snoda un cammino che porta a Soviore, salendo fino a 470 metri ed arrivando al santuario più antico della regione.

Uno sguardo a Riomaggiore

Riomaggiore è un piccolo borgo marinaro sorto nel settimo secolo, quando la popolazione si spostò verso il mare per agevolare la coltura di viti e ulivi. Si stabilirono in questo tratto costiero impervio e frastagliato, che domina il mare da una considerevole altezza.

Il paese è arroccato e compatto, visitabile percorrendo le numerose vie-scalinate che risalgono la scogliera. Le piccole abitazioni sono molto colorate, affiancate l’una all’altra e con tetti spioventi in ardesia.

Sopra Capo Montenero è sito il promontorio di Torre Guardiola, un tempo attrezzata fortificazione che difendeva le coste dalle aggressioni saracene. Oggi la zona è conosciuta con il nome di “Batteria”, stimata dagli amatori del birdwatching e munita del Centro di Educazione Ambientale, ente organizzatore di percorsi immersivi nella bellezza del paesaggio.

Tra le architetture di maggior interesse turistico spicca il Castello del Duecento, edificio accessibile percorrendo la scalinata che parte dalla stazione. La fortificazione ha base quadrata con cinta murarie che includono due torri difensive di avvistamento. È facilmente riconoscibile dall’orologio e dalla soprastante campana che svettano sulla torre.

Fra le architetture religiose, segnaliamo l’Oratorio dei disciplinati, che racchiude dipinti di pregio; il panoramico Santuario della Madonna di Montenero; le trecentesche chiese di San Giovanni Battista e San Lorenzo, ristrutturate in stile Gotico all’inizio dell’Ottocento.

Hai intrapreso un’escursione in questi fantastici territori? Segnalacela nei commenti!

Lascia un commento